STATUTO


CAPO 1 - COSTITUZIONE E SCOPO DELL’ASSOCIAZIONE

Art.1: è costituita un’Associazione con sede in Milano e con la denominazione Associazione Italiana Soccorritori (A.I.S.)

L’Associazione non ha scopo di lucro ed è assolutamente apolitica ed apartitica. Essa avrà durata sino al 31 dicembre 2050 e potrà essere prorogata.

Art. 2: l'Associazione si prefigge lo scopo di sostenere, coordinare, promuovere, creare e dirigere iniziative nel campo sociale, assistenziale, educativo e di protezione civile, corsi d'istruzione per la preparazione teorica e pratica al primo soccorso di qualunque cittadino che si trovi in un’improvvisa situazione che richieda assistenza immediata, nonché il mantenimento di legami tra i diplomati soccorritori anche per eventuali, volontarie attività pratiche di gruppo. L’Associazione assumerà ed organizzerà iniziative che risultino rispondenti ai suoi scopi.

L’Associazione persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale e non può svolgere attività diverse da quelle previste nel presente statuto.

Art.3: l’Associazione sarà articolata in sezioni operanti in singole zone del territorio nazionale. Dette sezioni, la cui costituzione potrà essere proposta dal Consiglio Nazionale, agiranno in armonia con gli scopi dell’Associazione e saranno economicamente e giuridicamente autonome. Ogni sezione dovrà ritenersi obbligata all’accettazione ed alla piena osservanza dello statuto dell’A.I.S., in difetto di che essa sarà radiata dall’Associazione stessa. La sezione, non più di una per ciascun comune, è costituita solamente fra i diplomati soccorritori nei corsi coordinati e controllati dall'A.I.S.. La stessa ha l’obbligo di redigere il bilancio o rendiconto annuale e di presentarlo, unitamente all’elenco dei soci in regola con il pagamento della quota associativa e ad una relazione dell’attività svolta nell’anno precedente, entro il 30 aprile d'ogni anno.

In caso di scioglimento di una sezione per qualsiasi causa, l’attivo patrimoniale residuo passerà all'A.I.S. Nazionale.

Il Presidente d'ogni sezione è membro di diritto del Consiglio Direttivo dell'A.I.S. Nazionale.

Al fine di contribuire al raggiungimento degli scopi dell’Associazione ogni sezione verserà all'A.I.S. nazionale un contributo annuo per ogni Socio nella misura che sarà determinata dall’Assemblea Ordinaria dell’A.I.S., in occasione dell’approvazione del Bilancio annuale.


CAPO 2 - SOCI

Art. 4: sono soci coloro che, avendo conseguito il diploma di Soccorritore, versano la quota d'iscrizione e si obbligano al pagamento annuale della quota determinata dal Consiglio Nazionale A.I.S. Sarà istituito un albo d’onore nel quale saranno iscritti, in segno di particolare distinzione, coloro che si renderanno benemeriti nei confronti dell’associazione, senza diritto di voto. E’ esclusa espressamente la temporaneità della partecipazione alla vita associativa.

Art.5: spetta al Consiglio Direttivo di decidere sull’ammissione dei soci. Per gravi e comprovati motivi i soci possono essere radiati dall'Associazione per deliberazione del Consiglio Direttivo.


CAPO 3 - PATRIMONIO E PROVENTI

Art.6: nessun compenso o gettone di presenza sarà corrisposto ai Soci chiamati a far parte del Consiglio Direttivo in quanto, dato lo scopo benefico dell’Associazione, ogni socio presterà la propria opera liberamente e gratuitamente nell’interesse dell’intera comunità. E’ fatto divieto di distribuire utili, anche in modo indiretto, ed avanzi di gestione, fondi o riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, a meno che la destinazione o la distribuzione non siano imposte per legge.


pagina 1 - Successiva (pag. 2) -->